• Adobe Authorized Training Centre
  • Autodesk Authorised Training Centre
  • Pearson Vue Authorized Training Centre
Blog // Pagina di 35
01.02.2020 # 5364
CALENDARIO RECUPERI

// 0 comments

CALENDARIO RECUPERI

Calendario dicembre 2019/gennaio 2020 recupero lezioni soppresse

CALENDARIO RECUPERI
DICEMBRE 2019 / GENNAIO 2020

//////////////////////////////////////////////

DICEMBRE

//////////////////////////////////////////////

CORSO DI PUBBLICITÀ
SEZ. P815
LEZIONI SOPPRESSE N.1/ VENERDI 13-12-2019

RECUPERO

MERCOLEDI 18/12/2019 ORE 11,00
PROF. IANNUCCI

GIOVEDI 19/12/2019 ORE 11,00
PROF. CANNAVACCIUOLO

VENERDI 20/12/2019 ORE 9,00
REPLICA DELLA LEZIONE DEL 19/12/2019 PROF. CANNAVACCIUOLO

Per ovviare alle problematiche derivanti dallo spostamento della lezione precedentemente programmata per mercoledì 18 (Social Media) al giovedì, la lezione n.2 del Prof. Cannavacciuolo verrà ripetuta venerdì 20 dicembre alle ore 9,00. In tal modo, gli studenti impossibilitati a partecipare giovedì 19 per problemi di sovrapposizione degli orari o per motivi lavorativi, potranno assistere alla lezione. Alle ore 11,10 di venerdì 20 dicembre si terrà la lezione n.3 del Prof. Iannucci.

//////////////////////////////////////////////

CORSO DI FOTOGRAFIA
SEZIONI F760 - F766 - F783
LEZIONI SOPPRESSE N. 3

RECUPERO

LUNEDI 2/12/2019 ORE 11,00/13,00
PROF. UGO PONS SALABELLE / FABIO CHIAESE

LUNEDI 9/12/2019 ORE 11,00/13,00
PROF. UGO PONS SALABELLE / FABIO CHIAESE

LUNEDI 16/12/2019 ORE 11,00/13,00
PROF. UGO PONS SALABELLE / FABIO CHIAESE

LUNEDI 23/12/2019 ORE 11,00/13,00
PROF. UGO PONS SALABELLE / FABIO CHIAESE

//////////////////////////////////////////////

CORSO DI FOTOGRAFIA - MODULO DI PHOTOSHOP
SEZIONE F783
LEZIONI SOPPRESSE N. 3

RECUPERO

LUNEDI 2/12/2019 ORE 13,00/15,00
DOCENTE ELISABETTA BUONANNO

LUNEDI 9/12/2019 ORE 11,00/13,00
DOCENTE ELISABETTA BUONANNO

LUNEDI 16/12/2019 ORE 11,00/13,00
DOCENTE ELISABETTA BUONANNO

//////////////////////////////////////////////

CORSO DI WEB DESIGN
SEZIONE W783
LEZIONI SOPPRESSE N. 1

RECUPERO

LUNEDI 5/12/2019 ORE 13,00/15,00
DOCENTE GIOVANNI FERRICCHIO

//////////////////////////////////////////////

GENNAIO

//////////////////////////////////////////////

CORSO DI FOTOGRAFIA
HIGH-END RETOUCHING
TURNO 2 DELLE SEZIONI F760 - F766 - F783
LEZIONI DA RECUPERARE N. 2

RECUPERO

MARTEDI 14/01/2020 ORE 17,00/19,00
TEACHER VALENTINA ROBERTO

MARTEDI 21/01/2020 ORE 17,00/19,00
TEACHER VALENTINA ROBERTO


//////////////////////////////////////////////

CORSO DI GRAFICA
SEZIONE G785
LEZIONI SOPPRESSE N. 4

RECUPERO

MARTEDI 7/01/2020 ORE 13,00/15,00
DOCENTE ALESSANDRO COCCHIA

MARTEDI 14/01/2020 ORE 13,00/15,00
DOCENTE ALESSANDRO COCCHIA

MARTEDI 21/01/2020 ORE 13,00/15,00
DOCENTE ALESSANDRO COCCHIA

MARTEDI 21/01/2020 ORE 13,00/15,00
DOCENTE ALESSANDRO COCCHIA

//////////////////////////////////////////////

CORSO DI PHP
SEZIONE G785
LEZIONI SOPPRESSE N. 2

RECUPERO

GIOVEDI 9/01/2020 ORE 13,00/15,00
DOCENTE GIOVANNI FERRICCHIO

LUNEDI 13/01/2020 ORE 11,00/13,00
DOCENTE GIOVANNI FERRICCHIO


//////////////////////////////////////////////


CORSO DI SOCIAL MEDIA MARKETING
SEZIONE SM23 - LABORATORIO EXTRA DI E-COMMERCE
LEZIONI SOPPRESSE N. 2

RECUPERO

MERCOLEDI 8/01/2020 ORE 13,00/15,00
DOCENTE MARIO LIGUORI

MERCOLEDI 15/01/2020 ORE 11,00/13,00
DOCENTE MARIO LIGUORI


//////////////////////////////////////////////

GENNAIO - FEBBRAIO

//////////////////////////////////////////////


CORSO DI GRAFICA
SEZIONE G787
LEZIONI N. 3

RECUPERO

VENERDI 31 GENNAIO ORE 13,00/15,00
DOCENTE LISABETTA BUONANNO

VENERDI 7-14 FEBBRAIO ORE 13,00/15,00
DOCENTE ELISABETTA BUONANNO


//////////////////////////////////////////////

FEBBRAIO

//////////////////////////////////////////////

CORSO DI WEB
SEZIONE 789
LEZIONI N. 4

RECUPERO

GIOVEDI 6-13-20-27 FEBBRAIO ORE 15,00/17,00
DOCENTE MARCO TRAMONTANO





24.02.2020 # 5412
CALENDARIO RECUPERI

Paolo Falasconi // 0 comments

Graphic Design Trends 2020. Le tendenze della grafica tra conferme e sorprese

Il 2020 ormai si avvicina ed è tempo di guardare ai trend nel campo del graphic design che si affermeranno maggiormente l’anno prossimo, tra conferme e sorprese. Noi ne abbiamo individuati cinque, che elenchiamo in ordine assolutamente casuale.


I trend per il 2020

Il 2020 ormai si avvicina ed è tempo di guardare ai trend nel campo del graphic design che si affermeranno maggiormente l’anno prossimo, tra conferme e sorprese.
 
Noi ne abbiamo individuati cinque, che elenchiamo in ordine assolutamente casuale. Sono i più importanti secondo il nostro parere, anche se in realtà il discorso si potrebbe tranquillamente ampliare fino ad includere almeno il doppio di quelli menzionati. In effetti quello della grafica è un mondo a cui molti settori guardano con interesse, dalla moda all’home design & interior solo per citarne un paio e, indubbiamente, è qui che nascono le tendenze che si affermeranno nei mesi e anche negli anni successivi.


Tipografia Maxi

Il 2019 ne ha visto solo un timido inizio, ma il 2020 sembra essere l’anno della definitiva consacrazione della tipografia maxi in ogni senso. A cominciare dalla dimensione del lettering che sarà oversize e costringerà i designer a spezzare le parole e andare oltre i bordi della composizione.
Non solo, le lettere si animeranno, si arricchiranno anche di elementi decorativi, fiorendo letteralmente per dare maggiore risalto al testo e sostituendo in parte o del tutto la funzione che dovrebbe spettare al visual, in una fusione straordinariamente creativa. Dove non troveremo lettering elaborato infine, di sicuro questo sarà enorme in termini di spessore. Bold contro thin insomma.




Maschere di testo

Le maschere con le immagini hanno visto il loro affermarsi già qualche anno fa, specie nel layout del ritratto con il paesaggio, ma data la tendenza del lettering bold, sarebbe un errore non considerare questa come una linea che in effetti, andando ad evolvere un concetto grafico già esplorato, sembrerebbe proiettarsi nel 2020 verso un trend del tutto autonomo, maturo e indipendente rispetto a quello della tipografia maxi.




Realismo 3D/Profondità

Si potrebbe pensare che la tendenza 3D abbia già raggiunto il suo apice nel 2019 ma, considerando le opportunità delle moderne tecnologie e le potenti capacità dei principali software aggiornati (vedi le novità Adobe) certamente stiamo andando incontro ad un potenziamento più che a un ridimensionamento del trend. Per questo il 3D specie nel web e specialmente combinato con altre tecniche come la fotografia o gli oggetti bidimensionali ha ancora moltissimo da dire.

real3D


Superfici metalliche

Sembrava rappresentare un’esperienza già archiviata e invece, incredibilmente l’uso di materiali metallici nella progettazione grafica è tornato ad essere ultra trendy per l’identità del marchio e il design del prodotto. Con una preferenza netta per l’oro, su fondo nero e opaco. Molti brand hanno scelto di caratterizzare così le proprie linee che si ispirano al lusso e, quando sono abbinate a trattamenti emboss monocolore esprimono il massimo della ricercatezza.





Forme geometriche

In contrapposizione al processo che vuole il lettering farsi più articolato, un nuovo trend vede il disegno di soggetti e figure andare incontro ad una geometrizzazione, una apparente semplificazione che nella realtà costringe il designer ad uno sforzo tutt’altro che banale, alla ricerca di una forma il più realistico possibile seppure definita solo da elementi geometrici elementari. Il risultato? Da restare a bocca aperta. 

geometric

21.02.2020 # 5414
CALENDARIO RECUPERI

// 0 comments

Lo studio jekyll & hyde firma il nuovo marchio di Digital Design Days

lo studio jekyll & hyde firma il rebranding del festival Digital Design Days con un segno che interpreta una visione contemporanea e innovativa della brand signature immaginata come un elemento vivo e vitale

Lo studio jekyll & hyde firma il nuovo marchio e sistema d’identità visiva di Digital Design Days, l’evento internazionale dedicato al design digitale, creato da Filippo Spiezia nel 2016.

Il progetto è volto a rafforzare la volontà dei fondatori di posizionarsi quale punto di riferimento internazionale, ribadendo la loro capacità di selezionare, raccontare e premiare i progettisti più visionari e creativi del design digitale.

Fin dalla sua prima edizione il festival è stato in grado di creare un network tra tutti i partecipanti capace di svilupparsi oltre l’evento stesso: professionisti, imprenditori e aziende dopo aver partecipato e condiviso le loro visioni per il futuro hanno iniziato a collaborare per attuarle.

Alla richiesta di sviluppare un nuovo marchio lo studio jekyll & hyde ha risposto con una visione più ampia, sottolineando come già oggi questo evento possa essere inteso come un vero brand, capace di garantire con la sua autorevolezza l’elevata qualità di tutto quello che propone. Per poter creare un’identità visiva che fosse realmente distintiva è stata analizzata e definita la parte più profonda di DDD: il suo spirito, i suoi valori e la sua personalità. Solo dopo aver sviluppato l’interiorità del brand lo studio ha iniziato a progettare ciò che l’avrebbe resa manifesta, la sua esteriorità, la sua forma.




Il progetto
Il nuovo marchio è la sintesi di un lungo lavoro di ricerca. La D scelta è luce, è energia, è movimento, tanti singoli elementi si uniscono per definirla, pixel che superano il loro aspetto bidimensionale, quadrati che ruotano ridisponendosi nello spazio attorno ad un punto centrale.

È un segno in grado di comunicare la forza della visione innovativa di DDD e la sua capacità di creare network, di attrarre, proporre e riunire persone e idee diverse. È stato scelto di progettare un segno nuovo ma anche capace di evocare quello delle precedenti edizioni attraverso il quadrato che lo contiene.

La palette principale è composta da nove colori, che contribuiscono a definire le edizioni nei vari paesi del mondo. Sono stati selezionati toni nativi rgb, luminosi e ricchi di contrasto, che all’interno del sistema d’identità sfumano tra loro attraverso il morphing di forme geometriche semplici, creando così un impatto dinamico e sofisticato che ben si presta alla comunicazione dell’evento.

Lo studio jekyll & hyde ha progettato un segno responsive, capace di adattarsi alla dimensione in cui è riprodotto variando la frequenza degli elementi che lo compongono, raggiungendo un utilizzo più armonico e efficace nelle varie applicazioni. Una visione contemporanea e innovativa della brand signature, immaginata come un elemento vivo e vitale.



21.02.2020 # 5413
CALENDARIO RECUPERI

Paolo Falasconi // 0 comments

Adobe. Tutte le novità della Suite Creative Cloud ad Adobe MAX

Gli annunci di innovazione di Creative Cloud includono la disponibilità di Photoshop su iPad, Fresco su Windows e Adobe Aero per Immersive Media, insieme alle anteprime di Adobe Illustrator su iPad e Photoshop Camera

Adobe MAX

Ad Adobe MAX, la più grande conferenza sulla creatività del mondo, Adobe ha annunciato la prossima generazione di Creative Cloud, un rilascio di prodotti più veloci e potenti su più superfici. La società ha lanciato ufficialmente Adobe Photoshop su iPad ed esteso Adobe Fresco a Microsoft Surface, presentando in anteprima anche l’attesissimo Adobe Illustrator su iPad e la nuovissima Photoshop Camera. Adobe continua a spingere i confini della creatività e dell’innovazione con l’introduzione di Adobe Aero, un nuovo strumento di creazione per la creazione in realtà aumentata.

 

Adobe ha anche rilasciato importanti aggiornamenti per Lightroom, Premiere Pro, After Effects, InDesign e Adobe XD. Con questa versione di Creative Cloud, sono state introdotte nuove funzionalità basate su Adobe Sensei in tutti i prodotti, tra cui Auto Reframe in Premiere Pro, Selezione degli oggetti in Photoshop, Tono automatico in Photoshop Camera e pennelli live in Fresco mentre l’azienda continua a consentire ai creativi di lavorare più velocemente e in modo più intelligente che mai.

 

“Siamo entusiasti di spingere le frontiere della creatività per rendere tutti più produttivi ed esprimere la loro visione creativa”, ha affermato Scott Belsky, Chief Product Officer e Executive Vice President, Creative Cloud, Adobe. “Gli annunci di oggi ridefiniscono l’esperienza creativa per tutti, non solo professionisti esperti, ma anche la prossima generazione di designer, fotografi, registi e illustratori”.

Adobe Photoshop


Adobe Photoshop su iPad

Inizialmente previsto per MAX 2018, Adobe Photoshop su iPad porta i flussi di lavoro di compositing e ritocco di base sul tablet. Presenta una completa interoperabilità con PSD, un’interfaccia utente basata su touch, l’accesso ai documenti cloud e il potere di lavorare su creazioni multistrato nel mondo reale. Sviluppato appositamente per i tablet, Photoshop su iPad è un punto di accesso intuitivo e più accessibile a Photoshop per i nuovi utenti, nonché un’ottima app di accompagnamento per i creatori professionisti.

Adobe Fresco


Adobe Fresco

Rilasciato per iPad all’inizio di questo autunno, Adobe Fresco è ora disponibile su Windows, a partire dai dispositivi Microsoft Surface Pro X e dall’hardware Wacom MobileStudio Pro. Fornisce un’esperienza di disegno e pittura naturale e versatile su tutti i dispositivi combinando raster, vettori e nuovi pennelli attivi. Alimentato da Adobe Sensei, i pennelli ad acquerello e ad olio si mescolano e interagiscono sullo schermo proprio come farebbero nella vita reale. Il prodotto consente inoltre agli artisti di sincronizzare i loro pennelli Photoshop preferiti per un flusso di lavoro di andata e ritorno regolare tra le app.

Adobe Illustrator


Adobe Illustrator su iPad

Per oltre 30 anni, Adobe Illustrator è stata l’app di illustrazione leader. Oggi, la società ha presentato in anteprima il futuro di Illustrator con un’app touch reinventata che porta la precisione e la versatilità dell’esperienza desktop sul tablet. Progettato con un’interfaccia più intuitiva, l’aggiornamento dell’iPad consentirà agli utenti di lavorare con gli stessi documenti su tutti i dispositivi e di accedere senza problemi ad Adobe Stock, Adobe Fonts e tutte le librerie Creative Cloud.

Adobe max


Alla scoperta di nuove frontiere

Poiché la realtà aumentata, il 3D e la voce sono adottati sia dai creativi che dai consumatori, Adobe sta costruendo strumenti intuitivi che consentono di creare facilmente per nuovi media. Oggi, la società ha rilasciato Adobe Aero, che consente agli utenti di creare facilmente contenuti coinvolgenti che sfocano la linea tra il mondo digitale e quello fisico. Aero aiuta gli utenti a creare esperienze di realtà aumentata sfruttando strumenti familiari come Photoshop e Dimension per produrre creazioni che si aprono in un ambiente tridimensionale coinvolgente. La società sta inoltre integrando attivamente la suite recentemente acquisita, lo standard per la progettazione di materiali e trame 3D, nella famiglia Adobe, con ulteriori dettagli in arrivo il prossimo anno.



falasconi@ilas.com

Il primo ricordo di un regalo di compleanno è la scatola di colori a tempera ricevuta da mia zia. Chiaramente destinato ad una carriera che contemplasse il disegno e la grafica, dopo gli studi artistici e una specializzazione in Art Direction e Grafica Pubblicitaria sono entrato in ILAS in cui ho ricoperto diversi incarichi fino a diventare Art Director Senior. Appassionato di arte, cucina, fotografia e curioso viaggiatore ho già visitato letteralmente mezzo mondo e, sull’altra metà, ho le idee piuttosto chiare sul programma.



21.02.2020 # 5403
CALENDARIO RECUPERI

Francesco Pontolillo // 0 comments

The Irishman – Ovvero, come il 3d ti ringiovanisce il cast!

“The Irishman” è il nuovo film realizzato dal regista Martin Scorsese, prodotto da Netflix, con il mostruoso tris di De Niro Al pacino e Joe Pesci, tutti tornata giovani grazie al 3D


The Irishman, film della modica durata di 3 ore e mezza, ha creato parecchio rumore attorno a se, per via delle rivoluzionarie tecniche di “anti-invecchiamento” digitale, che sono state utilizzate su tutti e tre gli attori principali. Tale tecnica si è resa necessaria per via dell’arco temporale in cui è ambientato il film, che parte dagli anni 50, fino ad arrivare ai giorni nostri.

Rilasciato a fine Novembre sulla piattaforma di streaming digitale Netflix, per l’occasione divenuta anche produttrice, il film si basa sul libro di Charles Brandt intitolato “I heard you paint houses”. La storia è mostrata al pubblico attraverso lo sguardo di Frank Sheeran (De Niro), un veterano della seconda guerra mondiale, reinventatosi successivamente assassino. La storia si incentra sulla misteriosa scomparsa di Jimmy Hoffa

Il direttore della fotografiaRodrigo Prieto, lo stesso regista messicano che ha lavorato con Scorsese nel suo precedente lungometraggio, “Silence”, spiega come la particolare unicità e difficoltà delle riprese è appunto tutta ruotata attorno alla necessità di ricavare delle plausibili copie digitali ringiovanite, degli attori protagonisti.

Sebbene questa non sia tanto una novità nel campo del 3D, in quanto non sono pochi i film che annoverano tali necessità, ciò che ha determinato la svolta storica è di fatto frutto di un puntiglio del regista. 

Scorsese infatti, non ama girare i film seguendo tutte le limitazioni e le regole necessarie per la successiva applicazione di effetti digitali. Per cui la sua proposta, ad ILM, casa di produzione di effetti speciali che si è proposta di lavorare alla creazione degli effetti speciali è stata più o meno così:” Se riuscite a farmi girare il film, senza il bisogno di sensori e tracker e se la qualità è decente, lo assegno a voi”.

Per i ragazzi di ILM questo ha rappresentato indubbiamente una sfida.

Normalmente quando bisogna cambiare in qualsiasi modo le sembianze di un attore, facendolo passare da giovane a vecchio, da magro a grasso, da uomo ad orco, c’è sempre bisogno di girare le sequenze relative, sfruttando elementi traccianti (tracker) che permettono di poter lavorare sulla versione digitale della recitazione.

Per questo motivo bisogna che gli attori impegnati in questi film, indossino delle tutine, con a volte anche delle palline posizionate sul loro corpo, intento a personificare il personaggio.

Scorsese invece non ha mai visto di buon occhio l’intralcio della tecnologia nelle sue produzione e questo ovviamente si ripercuote sul team di produzione, che deve sopperire alle “necessità artistiche” del grande regista.

"The Irishman" Making of della fase di "deaging"

Ecco quindi la genialata di ILMSostituire alle ingombranti tecnologie di tracking digitale, l’uso di due fotocamere ad infrarossi, che catturano la scena da due punti di vista laterali a quello unico e centrare della camera da presa vera e propria.

In questo modo, le informazioni, registrate da due angolazioni differenti, permettono di determinare, rispetto ad un modello 3D creato ad hoc, le eventuali microvariazioni espressive degli attori, potendo quindi registrare il tutto senza bisogno di alcuna appendice digitale applicata agli attori. Ma è davvero così? Più o meno.

Nello specifico, per ottenere questo risultato, il supervisore agli effetti speciali Pablo Helman ha optato per ben 3 ARRI Alexa Mini (come cineprese), di cui due modificate in modo da registrare la profondità spaziale delle scene, grazie appunto  ai raggi ad infrarosso. Ogni attore aveva quindi disegnati sul viso piccoli punti, creati con una speciale vernice visibile solo con le frequenze luminose ad infrarosso e che non possono essere registrati da una camera normale. In questo modo, quindi il tracking c’è ma non si vede!

A questa intuizione e evoluzione tecnica si unisce anche l’utilizzo di un software progettato dalla stessa ILMFlux capace di ringiovanire gli attori, senza cambiare la loro performance. Per farlo, il software crea una maschera attorno al viso dell’attore, permettendo di agire solo sui segni dell’invecchiamento.

Il processo con cui questo avviene, sebbene sia semplice da riassumere, è di fatto molto complesso e si basa sul Deep Learning. Il software Flux, per capire come creare la maschera e “migliorare” la pelle del viso, infatti utilizza migliaia di frame dai vari film in cui i tre protagonisti hanno precedentemente recitato.

Tali nuove tecnologie permetteranno di migliorare e semplificare ancor di più il processo di creazione degli effetti speciali per i film, rendendo tutto meno invasivo nelle riprese e meno complicate le fasi di post produzione.

Per saperne di più, potete visitare il sito della compagnia ILM all’indirizzo: https://www.ilm.com/vfx/the-irishman/

02.07.2019 # 5301
CALENDARIO RECUPERI

Ilas Web Editor // 0 comments

Una mattina da Oliviero Toscani al Modernissimo

Un evento in esclusiva organizzato dalla Ilas


Le domande pseudo-provocatorie di Oliviero Toscani

"Quanto tempo su 24 ore dedicate all’immaginazione?"  è una delle domande fatte da Oliviero Toscani al pubblico in sala.
A 77 anni Oliviero Toscani di immaginazione e grinta ne ha ancora tanta, tantissima.
Teoremi, enunciati, massime… c’è tanta roba nella mente di chi ha spaziato in vari ambiti della fotografia lasciando ogni volta un’impronta indelebile, a cavallo tra fotografia e arte.


Creatività, genio, immaginazione… i primi 50 anni di carriera di Oliviero Toscani

Le sue sono tracce che sono ormai iconografie della memoria collettiva. Chi è nato all’ombra dell’ombelico di Raffaella Carrà ricorda probabilmente in maniera più incisiva quel paio di shorts di jeans che invitavano ad essere seguiti (campagna Jesus/chi mi ama mi segua – 1973).
E non è stato lui uno dei primi, se non il primo, a usare argomenti sociali nella pubblicità sensibilizzando sull’eguaglianza delle persone a prescindere dal colore, religione, sesso…?
Sarà stata l’amichevole conoscenza di Andy Warhol lo stimolo per inventare la pubblicità POP ribaltando il senso di ogni dialettica del marketing?


In barba a certe distorsioni mediatiche dei tempi televisivi che lo fanno percepire come personaggio non troppo facile, dal vivo ti rendi conto che Oliviero Toscani è uno di quei fotografi in grado di trasferire le proprie conoscenze e senza risparmiare una certa generosità.

Dedicare oltre due ore del proprio tempo per elargire considerazioni, raccontare esperienze personali e professionali, emettere sentenze e pillole di saggezza, di più di 50 anni di magnifici fallimenti, e tra l’altro espresse in maniera chiara, diretta, senza inutili pseudo-filosofie, è un’esperienza che fa bene alla salute professionale di un fotografo o a chiunque operi nel campo della comunicazione.


Oliviero Toscani guru o coach?

Essere liberi è la condizione essenziale per poter lavorare bene.

Per essere liberi non si deve correre dietro il consenso, ma dietro al senso.

Bisogna essere eccellenti in ciò che si fa. Paradossalmente, per essere liberi bisogna incatenarsi a una propria idea per riuscire a capire quali possano essere i propri limiti.

Perché solo capendo quali sono i propri limiti ci si può liberare dal complesso di non essere bravi.

Queste non sono che alcune delle considerazioni di Oliviero Toscani che, durante l’incontro, assumeva nell’immaginario della platea sembianze di un guru, di un coach di una squadra di rugby o, forse per qualcuno, sembrava il sergente Hartman di Full Metal Jacket. Il Drill Instructor che appellò “palla di lardo” uno dei marine del film, per intenderci.


Dagli appunti presi durante l’incontro…

Il fotografare raggruppa un insieme di competenze indispensabili quando si deve comunicare qualcosa. Oliviero Toscani ricorda al pubblico che tutti possono guidare ma pochi entrano nell’Olimpo della Formula 1. Ci ricorda che tutti sanno leggere e scrivere ma pochi possono essere scrittori o poeti. L’accessibilità al mezzo non corrisponde sempre a una buona “alfabetizzazione” dello stesso.

Sembrano banali metafore, quelle di cui sopra, ma non tanto per un pubblico composto in gran parte da millennials.

La fotografia è un film in uno scatto

La fotografia può avere un certo parallelismo con un film. Per fare una buona fotografia per una campagna pubblicitaria occorrerebbe essere allo stesso tempo, sceneggiatore, scenografo, regista, direttore della fotografia, cameraman.

La fotografia è un film in un fotogramma

Immaginare. Solo nel momento in cui spegniamo il computer abbandonando quei “campi di concentramento” del XXI secolo che sono i social, possiamo iniziare a immaginare. Immaginare ci porta oltre le normali dimensioni umane configurandoci situazioni incredibili.


La creatività al servizio del marketing?

Oliviero Toscani è sempre stato Art Director di se stesso. Non ha mai accettato di lavorare con le agenzie pubblicitarie.

…Non si può dirigere la creatività. Il Padreterno non aveva l’Art Director…

Lui è il One man show, lui decide come impostare una campagna pubblicitaria, o come realizzare un’installazione con le sue immagini. Se non si ha carta bianca, si pone limite all’immaginazione perché non si è liberi.

Sembra che le sue campagne siano di successo proprio perché sempre in controtendenza con quelli che potrebbero essere i briefing e le strategie di marketing.

Si può fare una foto fantastica a un pezzo di merda e si può fare una foto di merda fotografando la donna più bella del mondo


Più di 50 anni di magnifici fallimenti

Oliviero Toscani il guru, il coach, il drill instructor. Personalità carismatica. Un’aura che sembra averlo congelato in una non-età. È un evergreen che continua a stupire a 77 anni.

Sì, sì, non sta simpatico a qualcuno ma non è un problema suo.

Ci proietta le pagine del suo libro (Più di 50 anni di magnifici fallimenti) e ti rendi conto che professionalmente può anche permettersi di essere un po’ scorbutico con chi gli fa girare i marroni con considerazioni inadeguate.

Non ha conservato molti degli originali dei suoi scatti e forse per quel suo voler sentirsi libero, distaccandosi anche dagli oggetti come diacolor scattate in tanti anni. Non ha uno studio. Il suo studio è sempre on the road. Anche nel senso più stretto del termine. Come per i ritratti di Razza Umana eseguiti per strada nelle varie città d’Italia.

Quel libro proiettato nella sala del Modernissimo, consiste per lo più in scansioni delle pagine di giornali dove sono stati pubblicati i suoi lavori in 50 anni.

Una foto esiste solo se è pubblicata

E ti accorgi che in quelle immagini vi sono citazioni ante litteram di Helmut Newton e che fare fotografie alla H. C. Bresson lo diverte perché è rilassante scattarle durante una passeggiata la domenica pomeriggio.

Che la sua fotografia di moda degli anni ’60 piaceva tanto, che a distanza di anni un’altra azienda gli chiede di replicarle. Che ha sempre avuto a fuoco le trasformazioni sociali stando sempre sul pezzo, sparandoci sui 6×3 l’iconografia dei nuovi fenomeni sociali che non avevamo ancora fatto in tempo a metabolizzare. E che, anche se impercettibilmente, trapelano i suoi studi di storia dell’arte che suggerisce a ogni giovane fotografo per la propria formazione.

 

È tutta questione di immaginazione. <<Immaginare costa ZERO!!!>>.

“L’immaginazione al potere” come direbbe Herbert Marcuse.





Inside Ilas